Blog–parole brutte

Non so se capita anche a voi, ma trovo che esistono delle parole brutte. Non parlo di parolacce (che sono comunque anch’esse brutte e che non amo né pronunciare né sentire), né di parole dal significato negativo, ma di parole che mi stanno proprio antipatiche. Parole che non amo usare e che se pronunciate dal mio interlocutore, fanno scaturire in me una sensazione di fastidio, quasi di repellenza…

Ecco quelle più irritanti che mi vengono in mente:

ciabatta, tapparella, cacofonico, satollo, prosopopea, callifugo, pannolone, gattabuia, leccornia, salva-slip, saccoccia, casseruola, grattachecca, contumacia, dirimpettaio, almanacco, maritare, cuccagna, pusillanime, sganasciarsi, unguento, prepuzio, lucernario e citrullo.

Sarei curioso se ciò capita anche a voi e quali sono le parole che vi indispongono.

Ultima modifica ilSabato, 06 Gennaio 2018 19:30
(0 Voti)
Letto 240 volte
Etichettato sotto :

2 commenti

  • Betty Maggi
    Betty Maggi Lunedì, 08 Gennaio 2018 17:58 Link al commento

    Buonasera Gennaro.
    Quelle elencate da te hanno almeno un significato proprio e per alcune si possono trovare dei sinonimi. Personalmente, la parola che mi indispone al punto da dover trattenere la reazione quando la sento è "ATTIMINO" (grrrrrrrrrr). Non la reggo proprio: non ha senso, sembra una presa in giro. Un attimo è già di per sé incalcolabile.Quando mi sento dire "è un attimino impegnato" mi vien voglia di rispondere:"bene, allora adesso è libero! L'attimino è già trascorso".
    Non entro nel merito degli inglesismi e delle parole derivate dall'inglese (matchato, switchato ....etc. etc.) Queste nemmeno le considero, faccio finta di non sentirle e non conoscerne il senso. Amo la nostra lingua e vorrei conoscerla tanto di più.

  • Gianna Nico
    Gianna Nico Lunedì, 08 Gennaio 2018 07:29 Link al commento

    Aggiungo iguana

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.