Operette

Dal 1996, Gennaro Cannavacciuolo è chiamato ad interpretare il ruolo del brillante in varie operette. In modo continuativo per il Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, ma anche per il Politeama di Prato, il Verdi di Salerno sotto l'egida del Teatro San Carlo di Napoli, per il Teatro Verdi di Pisa ed il Teatro Carlo Felice di Genova.
Le sue interpretazioni riscuotono grandi consensi tant'è che nel 2002 gli viene assegnato il premio "Trieste Operette"

La vedova allegra, di Viktor Léon e Leo Stein, musica di Franz Lehár, sotto le regie di Gino Landi, Simona Marchini, Federico Tiezzi e Vittorio Sgarbi. L’ultima edizione è stata diretta da Daniel Oren. Produzioni: Teatro Lirico San Carlo (Napoli), Teatro Lirico Carlo Felice (Genova), Teatro Lirico Giuseppe Verdi (Trieste), Arena di Verona, Teatro Verdi di Salerno;

Recensione


Scugnizza, di Carlo Lombardo, musica di Mario Costa, regia di M. Scaglione;

Recensione


Cin-ci-là, di Carlo Lombardo, musica di Virgilio Ranzato, regia R. Croce;


La principessa della Czardas, di Leon Stein e Bela Jenbach, musica di Emmerich Kalman, regia di G. Landi;

Recensione

Rosemarie, di Otto Harbach e Oscar Hammerstein, musica di Rudolf Friml e Herbert Stothart regia di I. Stefanutti;

Recensione

Contessa Maritza, di di J. Brammer e A. Gruenwald, musica di Emmerich Kalman regia di L. Mariani.

Recensione

 

Ufficio Stampa

Manager Cinema e TV

Manager Teatro ed Eventi

(3 Voti)
Letto 201 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.