fbpx

Blog – la moltiplicazione dei Weinstein

Da settimane ormai, assistiamo ogni giorno a denunce di violenze da parte di decine e decine di donne molestate, addirittura violentate, da parte di registi e produttori cinetelevisivi. Donne che hanno taciuto per 10, 20, 30 anni. Donne che, per la maggior parte, hanno una solida carriera alle spalle. Donne che per anni sono state paparazzate a fianco del loro mostro, sorridenti ed ammiccanti sui vari red carpet del pianeta. In un lampo, la situazione si è capovolta: queste star belle ed affascinanti parlano di depressione, di ricatti, di soprusi. Le lingue di si sciolgono, si scopre che tutti sapevano: chiunque grida allo scandalo, gli scoop si sprecano.

Ebbene, ho davanti agli occhi la nitida immagine di un mondo sommerso dove la falsità regna sovrana, dove il sarcasmo e la disumanità caratterizza i mostri spaventosi e senza scrupoli che lo popolano. Di colpo, un gigantesco maremoto planetario porta alla luce questo territorio orrido la cui immagine è stata per anni restituita in modo totalmente distorto dai tanti proiettori e flash dei fotografi, dalle statuette di bronzo, dalle riviste platinate, dagli abiti scintillanti e dalle limousine extra lusso.

Dato per scontato che l’uomo mai si deve permettere di violentare una donna, né molestarla o semplicemente infastidirla (vedi al riguardo il mio post del 13 novembre – leggi post), quello che fa più ribrezzo in assoluto è la gigantesca ipocrisia alla quale assistiamo.

Si, ipocrisia. E’ ben risaputo infatti, soprattutto da chi lo frequenta, di quanto il mondo cine-televisivo e relativo “star system”, sia particolarmente “scivoloso”, anche se ciò accade in molti altri ambiti. E mi chiedo: perché tutti hanno taciuto sino ad ora? Le stesse vittime ma anche colleghi, agenti, amici, parenti non sapevano nulla? Come si giustifica una tale colposa omertà? Evidentemente, quella di Weinstein è una prassi culturalmente accettata, cosa moralmente grave: ma soprattutto, perché alla fin fine, malgrado le alzate di scudi, molti traggono vantaggio dal “mostro”; e trarre vantaggio da un ricatto, significa comunque accettarlo. Magari lo fai malvolentieri, ma comunque lo accetti, a maggior ragione se reiteri il comportamento per anni. In fondo, l’uomo di potere fa comodo a tanti e lo si accontenta, seppur storcendo il naso. Cosa dire poi delle tante donne che provocano apertamente l’uomo in grado di far loro ottenere una parte? Oppure dei tanti giovani, vere e proprie marchette, che coltivano rapporti “interessati”, sia con uomini che con donne mature, magari produttrici o attrici famose con lo scopo di farsi strada?

Temo, purtroppo, che il polverone durerà il tempo di una stagione: assisteremo a condanne sociali e professionali, più che legali, ad ulteriore denunce, rivelazioni e scoop per qualche mese, dopodiché, il mondo sommerso tornerà quello di prima. Perché pur di ottenere fama e soldi, l’uomo perde di vista la propria dignità celandosi dietro mille giustificazioni….

Stop alla violenza, stop all’ipocrisia.

leggi anche articolo successivo del 20 dicembre

Ultima modifica ilMercoledì, 20 Dicembre 2017 22:03
(0 Voti)
Letto 4307 volte
Etichettato sotto :

4 commenti

  • Francy
    Francy Martedì, 19 Dicembre 2017 18:12 Link al commento

    Articolo bellissimo e giusto. Condivido ogni singola parola.

  • Armando Scheri
    Armando Scheri Lunedì, 18 Dicembre 2017 14:17 Link al commento

    Post geniale

  • Simona Biaggi
    Simona Biaggi Mercoledì, 13 Dicembre 2017 07:59 Link al commento

    Descrizione perfetta di questo brutto ambiente pieno di ipocrisia. Prima la danno, fanno soldi e carriera e poi si pentono! Una cosa è la violenza VERA, da condannare, una cosa è darla perché sei consenziente!

  • Duke Dearth
    Duke Dearth Mercoledì, 06 Dicembre 2017 14:32 Link al commento

    Caro Gennaro,
    già in passato ho avuto modo di elogiare la tua analisi, così critica e tangibile nell'individuare tutte le anomalie del caso che sottoponi all'attenzione dei lettori.
    Di base, come tu hai già detto, c'è una ipocrisia di fondo, ma ancora più, e man mano che passa il tempo tale consapevolezza acquista sempre più corpo, sicuramente una decadenza politica del produttore.
    Solo prendendo in considerazione tale assunto possiamo comprendere (sempre in parte, e dall'esterno) la decadenza di un produttore così intoccabile per decenni ad Hollywood.
    Evidentemente sono venuti a mancare quegli appoggi politici che gli hanno fornito impunità per così tanto tempo.
    Ecco che giunge imperativo il monito "basta la violenza, basta l'ipocrisia": poiché se non ci fosse stata ipocrisia non ci sarebbe stata violenza e se non si fosse soggiaciuto per una carriera di lustrini e visibilità nello star system questo personaggio non avrebbe avuto il potere che, in fondo, gli viene dato anche da chi soggiace, e giace, con esso.....

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.