fbpx

Blog–un esperimento con Belen

Ecco, lo sapevo: anche tu su questo post! Hai visto la foto di Belen e non hai resistito: hai cliccato sopra! Così come tanti hanno letto il mio post del 1 dicembre (vedi post): ma quello era solo un divertente fotomontaggio!  laughing

Mi sono sempre chiesto: perché Belen accentra la quasi totalità del sistema mediatico italiano???

Certo, parliamo di una donna molto attraente, sensuale, “sexy”, ma tutto questo non basta: di donne “sexy e sensuali” ce ne sono molte in giro e molto più brave artisticamente. In effetti, non è che Belen abbia particolari abilità artistiche: le sue capacità nel canto, nel ballo e la recitazione sono assolutamente mediocri. Quindi?

Quindi, alla fine, penso che Belen sia la riuscita di un mix difficile da trovare: pur incarnando erotismo e sensualità, Belen rimane accessibile, ovvero “familiare”, con un bel sorriso e, soprattutto, a tutto questo si aggiunge la componente sud-americana portatrice di un immaginario fatto di trasgressione, libertà e passione. In aggiunta, ha sicuramente avuto la fortuna di incontrare e frequentare le persone giuste al momento giusto e “ci ha saputo fare”, avendo molto pelo sullo stomaco.

Quindi, brava Belen che fa quel che sa fare con la voglia di farlo. Ma permangono due grandi disagi di tipo morale direi e sociale:

  • Perché un post su Belen e su un uomo super muscoloso ottiene più interesse di un post su Beethoven?
  • E’ giusto che i mass media focalizzino la loro attenzione su Belen & co (ci butto dentro veline, letterine, ecc, tutti i simili componenti del sistema...) tale da renderle icone esemplari per milioni di ragazzine italiane?

“Una bugia ripetuta tante volte diviene realtà” diceva Goebbels ai media, il ministro della propaganda del Terzo Reich.

Ecco la bugia - causa e risultato al contempo di un’ignoranza sempre più dilagante e di ideali azzerati: “aver successo nella vita equivale a fama e soldi, ottenibili grazie al fisico, con le giuste frequentazioni e senza studiare”. Insomma, per molti, Belen & co sono diventati i modelli più aulici a cui ispirarsi grazie alla Grande e Degradata Bugia Collettiva.

Un autentica “desertificazione” culturale di cui i più grandi colpevoli sono i mass media “gossippari”.

(0 Voti)
Letto 1500 volte
Etichettato sotto :

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.