fbpx

dicembre 2020

Pubblicato in Calendario del mese

E' stata attivata la sezione in abbonamento della mia pagina Facebook. Per soli 4,99 euro al mese rinnovabili di volta in volta, spettacoli, dirette, live music, letture e tanto altro. Per abbonarsi accedere alla mia PAGINA e clicca in alto a destra su “diventa un sostenitore” .

Ringrazio sin da ora chi vorrà aderire: in questo momento così particolare, sarà a noi artististi uno stimolo per continuare a creare. 

Spero nella quantità, per dare QUALITA'. 
Passaparola e… grazie ???

 

 

 

Leggi tutto...

Blog – un calendario impazzito - marketing estremo!

Pubblicato in Blog

Dal 2 novembre è arrivato il ciclone a Roma. Sono molti i negozi e ristoranti con le vetrine decorate di rosso e d’oro, con abeti, con babbi Natale rampicanti, addobbi vari, pigne natalizie e pacchetti infiocchettati e pure la cometa: una tempesta commerciale!

Da anni ormai, il calendario è come stravolto. E’ il marketing con il suo merchandising a dettare il ritmo, ignorando le tradizioni e le abitudine storiche. Le ricorrenze, le festività sono svuotate dal loro contenuto e prevale l’aspetto commerciale, pompato da campagne di marketing prorompenti volte a favorire il consumismo più sfrenato, fino all’inverosimile.

Non fai in tempo a riprenderti dalla mesata di mostri neri con cappelli a punta e dalle zucche, dalle orde di bambini che corrono sui marciapiedi urlando “dolcetto o scherzetto” (festa tra l’altro che non ci appartiene affatto!), che già è arrivato il Natale!

Fino a qualche anno fa, il periodo delle festività iniziava l’8 dicembre e durava sino all’Epifania: 4 settimane. Ora, siamo a 9 settimane! Se ci attacchiamo Halloween, parliamo di 3 mesi di feste, a cui ne seguirà la settimana della Befana.

Non so voi, ma trovo che tutto questo sia nauseante per il consumatore: una tale profusione di articoli, luccichii e decorazioni spesso pacchiane creano solo rigetto a lungo andare. Rimpiango quei due mesi dopo l’estate, dove passavi dal caldo torrido al tepore di ottobre, quindi arrivava la pioggia e i primi freddi: insomma, scivolavi pian piano nel grigiore, aggravato dall’ora legale, in una sorta di torpore indolente sino a quando, meravigliosamente, arrivava l’8 dicembre e la tanta agognata atmosfera natalizia ad allietarti. Ed allora ti precipitavi per le strade commerciali a respirare quell’atmosfera incantata e pensavi ai regali da fare…

Non capiscono che l’attesa crea il desiderio; peccato.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS